Progettazione

costruzione realizzazione manutenzione piscine prefabbricate cemento armato rendering illuminazione Progettazione

Progettazione

 CONSIDERAZIONI SULLA PROGETTAZIONE

A volte ci sentiamo dire che una piscina è solamente un contenitore con dentro tanta acqua, in parte è anche vero ma, in realtà, quella considerazione è il nostro obiettivo, quello che tutti i nostri clienti penseranno del prodotto che hanno installato e si stanno godendo.
La robustezza del prodotto e la facilità di gestione devono dare solo il piacere della piscina senza pensieri o complicazioni nell’immediato o nel futuro.
Per ottenere un risultato tale da non avere problemi successivi è necessaria una buona professionalità sia progettuale sia realizzativa.
Fornire indicazioni specifiche e approfondite, qui, è difficile perché per effettuare un progetto completo è necessario conoscere a fondo tutte le implicazioni che la compongono, sia ambientali (dove si trova la vasca, chi la utilizza, per quale motivo la si è realizzata, cosa si aspetta l’utilizzatore, la localizzazine nello spazio destinato, la forma, la profondità, il colore ecc.) sia tecniche (le perdite di carico nell’impianto di ricircolo, i tempi di filtrazione ecc.).
Su questi dati si studia la piscina, i suoi impianti, il posizionamento delle aspirazioni, mandate ecc.

 

La progettazione è la parte più delicata nella realizzazione di una piscina, anche se spesso si dedica più attenzione alla sua forma – sicuramente importante – ma non fondamentale per la sua gestione. Difficilmente viene dedicato lo stesso tempo e soprattutto si hanno le competenze per progettare un buon sistema di ricircolo.
Gli errori o le omissioni commesse nella progettazione si pagano nel tempo, con conseguenze fastidiose ed a volte irrimediabili, o quasi, e comunque sempre a costi elevati.


Consigli sui materiali:

gli accessori idraulici che si montano in vasca sono normalmente realizzati in ABS o composti a base di questo materiale, oppure in acciaio inox (anche se molto costosi). Ultimamente sono disponibili sul mercato anche dei rivestimenti in acciaio inox da applicare a copertura degli elementi in ABS. Molte sono le aziende che producono accessori in ABS, ci sentiamo di suggerire l’utilizzo di materiali di marche note e diffuse, in modo da avere una ragionevole certezza di reperire i ricambi nel futuro.

Normative:

per la progettazione di piscine private, esiste una normativa tecnica obbligatoria ma che lascia margini operativi, mentre, per quanto riguarda le piscine pubbliche o semi-pubbliche (condominiali o strutture turistico ricettive), si fa riferimento a norme UNI molto specifiche. Sarebbe sempre bene conformare il progetto alla norma UNI 10637. I parametri da considerare sono molteplici, in parte legati alla piscina in parte all’ambiente esterno.

 

INDICAZIONI BASE PER LA PROGETTAZIONE

 

DISTANZA DA CASA

È necessario quando possibile un certo equilibrio, troppo vicina può dare problemi o rischi, troppo distante è scomodo.

DIMENSIONI AREA VERDE, SOLARIUM E DIMENSIONI PISCINA

Si consiglia di mantenere sempre un corretto equilibrio tra il solarium e la piscina, in modo da poter posizionare sdraio asciugamani e permettere il passaggio delle persone.

ESPOSIZIONE

Ove possibile sempre a sud, con scalinate di accesso posizionate in modo che le persone sedute sulla scalinata, nel pomeriggio, abbiano il sole sul loro davanti.

FORMA REALIZZABILE

Non ci sono limiti tecnici alla fantasia, anche se per le forme troppo complesse, sarà impegnativo progettare la circolazione dell’acqua in modo ottimale. Una considerazione da non tralasciare riguarda eventuali accessori futuri (teli di copertura, coperture telescopiche, pulitori automatici ecc.), se le forme sono molto irregolari, hanno anche costi piu’ elevati. Possiamo suggerire la realizzazione di forme che siano ben integrate con l’ambiente, con lo scopo di valorizzare gli spazi disponibili, senza eccedere. La forma che sfrutta maggiormente lo spazio è quella rettangolare. La forma va adattata allo spazio disponibile, riprendendo linee ed orizzonti presenti in un giardino, pensando anche agli spazi da destinare a solarium, aree di gioco, relax. Riteniamo limitativo partire da una forma per adattare il resto. A seconda della tipologia costruttiva siamo in grado di realizzare qualsiasi forma. Dalla più semplice ed utilizzata, la rettangolare classica, alla forma che avete sempre sognato con le curvature, spiagge, isole, sfumature più diverse.

PROFONDITÀ

Una attenzione particolare va alla questione della profondità. Fino ad alcuni anni fa si tendeva a realizzare vasche molto profonde, (4 - 5 metri) oggi questa tendenza è in disuso. Ci si è resi conto che gli aspetti negativi prevalgono sui benefici:

  1. la sicurezza: una vasca troppo profonda è pericolosa, non solo per chi non sa nuotare;
  2. il comfort: le vasche profonde impiegano più tempo a scaldarsi con i raggi solari e mantengono gli strati bassi più freddi;
  3. l’usabilità: nelle zone dove non si tocca, si deve per forza nuotare, limitando quindi gli spazi di gioco e relax.


Attualmente per le motivazioni sopra esposte la tendenza è quella di realizzare piscine con profondità alle pareti da 120 a 150 cm, con fondo piatto (sia per piscine a skimmer sia a sfioro). Con questa profondità, si può nuotare, giocare e rilassarsi, con assoluta tranquillità per tutti gli utilizzatori, anche chi non sa nuotare. Si possono realizzare zone con profondità maggiore (fosse o mini fosse), ma con pendenze di accesso dolci per cui consigliamo di pensarci solo nel caso si scelgano piscine con dimensioni elevate (dai 12 x 6 in su). Nel caso di progetti con fosse profonde consigliamo la presenza di un cordolo, gradino, allo stesso livello del piano piscina inferiore (generalmente 120 cm) in modo da permettere a tutti di camminare lungo tutto il perimetro senza dover per forza affrontare la “fossa”.
ove possibile sempre a sud con scalinate di accesso posizionate in modo che le persone sedute sulla sclinata nel pomeriggio abbiano il sole sul loro davanti.

DIMENSIONE

Non esistono dimensioni standard la scelta dipendere dallo spazio disponibile, senza mai esagerare. Una piscina ad uso familiare ha una dimensione ottimale attorno ai 50 metri quadrati (da 4x8 a 12x6). Non è ovviamente una regola, ma il rapporto costi/benefici è ottimale.
La tendenza attuale, comunque, è quella di realizzare vasche di dimensioni un po’ più piccole, ma con un maggior numero di accessori (ingressi a spiaggia o a scalinate, idromassaggio, nuoto contro corrente, balneoterapia aromaterapia, musicoterapia, cromoterapia ecc.). Se le esigenze sono terapeutiche queste devono passare in primo piano, spazi disponibili permettendo.

Richiedi ora un nostro preventivo e sopralluogo gratuito